portale smartwatch

Portale Smartwatch

Benvenuti sul Portale Smartwatch, il sito italiano interamente dedicato agli smartwatch, sportwatch e fitness band.

Questo sito vi aiuterà a capire cosa possono offrire gli orologi intelligenti sempre più diffusi ai polsi degli appassionati di tecnologia (e non solo).

Il mondo degli smartwatch

In parole povere, gli smartwatch sono l’evoluzione degli orologi digitali. In un mondo sempre più connesso, era naturale che anche gli accessori da polso cominciassero a dotarsi di funzionalità sempre più avanzate. Grazie alla disponibilità di connessioni senza fili e a basso consumo di energia, come la Bluetooth 4.0, è possibile far interfacciare gli smartphone, che ormai tutti abbiamo, con questi orologi intelligenti.

smartwatch pebble time
Il Pebble Time, uno degli smartwatch più recenti

Vantaggi

I vantaggi sono vari. Prima di tutto, gli smartphone possono far apparire sull’orologio varie notifiche. Oggi come oggi, sappiamo bene che le nofitiche provenienti dalle varie app sono numerose e costanti, ma non sempre interessanti. Invece di tirare fuori dalla tasca o dalla borsa il proprio telefono ogni 5 minuti per scoprire semplicemente che ci è arrivato un messaggio inutile su whatsapp, basta dare un veloce sguardo all’orologio e scegliere se ignorare la notifica o se rispondere. Non dovendo accendere lo schermo dello smartphone troppo spesso, anche la batteria di quest’ultimo durerà di più.

prezzi smartwatch fascia media
I prezzi degli smartwatch sono molto vari

Oltre a questo, gli smartwatch possono essere dotati di sensori che comunicano dati al telefono. Primi fra tutti, poiché si parla di accessori che sono sempre attaccati al corpo (i cosiddetti wearable), essi offrono grandi possibilità nel mondo del fitness e del controllo della salute. Quasi tutti i modelli sono dotati di un sensore del battito cardiaco, di accelerometri, alcuni anche di sensori gps: in questo modo possono “capire” se e quanto vi state muovendo, e aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi di fitness. Ormai le ricerche mediche che notano l’importanza di muoversi spesso sono innumerevoli.

Ma i vantaggi non finiscono qui. Pensiamo ad esempio alla possibilità di usare questo prodotto come navigatore in città sconosciute, soprattutto se ci muoviamo a piedi come turisti. Invece di avere in mano lo smartphone e dover continuamente passare dalla app di navigazione a quella che ci fornisce informazioni sui monumenti che vediamo, alla fotocamera per fare foto, potremmo semplicemente tenere attivo il navigatore al polso e usare lo smartphone (o addirittura una guida cartacea!) per altre cose.

Problemi principali

smartwatch Huawei Watch

Insomma, le possibilità sono molte, e limitate solo dalla fantasia degli sviluppatori e… dalla batteria. Sì, perché il limite tecnologico principale di questi gingilli, al giorno d’oggi, è la durata della batteria. Questo è in fondo il limite tecnologico principale di tutta la società contemporanea. Un orologio intelligente tipico va ricaricato ogni notte, e con un uso intenso può anche “morire” prima di arrivare a sera. Fanno eccezione gli smartwatch basati su schermo e-ink (è infatti lo schermo il principale colpevole per l’assorbimento di energia), come ad esempio il Pebble Time: gli schermi e-ink utilizzano molta meno energia (in quanto non retroilluminati), al prezzo però di una qualità dell’immagine molto peggiore (basti pensare che il Pebble Time può visualizzare solo 64 colori).

I protagonisti del settore

Le aziende principali nel mondo degli smartwatch sono le stesse che già conosciamo bene nel settore dell’elettronica di consumo, e seguono strategie simili a quelle seguite in altri settori:

  • Samsung ha sul mercato un’ampia gamma di modelli, fra cui il top di gamma è al momento il Gear S, un prodotto particolarmente avanzato dal punto di vista tecnologico, con la particolarità di poter essere usato anche indipendentemente da uno smartphone: è dotato infatti di scheda SIM.
  • Apple risponde con un modello solo, l’Apple Watch, declinato però in tutta una serie di versioni con vari prezzi, una strategia molto strana per Apple che di solito fornisce pochissime versioni dei propri prodotti, ma che sottolinea l’importanza del fattore estetico e di design in prodotti wearable, che affermano ancora di più i nostri gusti estetici, essendo agli occhi di tutti in ogni momento.
  • Proprio per questi fattori estetici hanno avuto un discreto successo altri modelli presentati ad esempio da LG o da Motorola, dotati di schermo tondo, che sembra essere maggiormente apprezzato da chi vuole un prodotto che assomigli più a un orologio classico che a un minicomputer; il primo fra tutti è stato il Moto360, che è ormai un po’ datato.
  • Nuove aziende asiatiche cercano di imporsi in questo nuovo settore con prodotti altamente curati, come fa Huawei con il suo Watch.
  • Pebble ha ancora molto da dire: è l’azienda che ha in un certo senso lanciato questa moda, grazie all’incredibile successo del suo Pebble nel 2013. L’azienda americana sceglie una strada molto diversa rispetto a quella degli altri produttori: niente Android Wear, ma un sistema operativo proprietario; niente schermo LCD, ma uno schermo e-ink meno bello da vedere, ma molto meno “vorace” dal punto di vista energetico, tanto che la batteria può durare fino a 7 giorni.
  • Finora i tradizionali produttori di orologi prestigiosi o di lusso si sono tenuti alla larga da questo settore, così diverso per vari motivi dal loro. Ultimamente però pare che qualcosa si stia muovendo, come dimostra l’annuncio della prossima presentazione di uno smartwatch della casa svizzera Tag Heuer. Pare che stia per arrivare anche uno Swatch.

Le fitness band

Samsung Gear Fit
Samsung Gear Fit, una delle fitness band più belle da vedersi

Senza dimenticare poi il settore delle fitness band, dei braccialetti da mettere al polso dotati di sensori (accelerometri, sensori che rilevano il battito cardiaco, a volte gps) e votati interamente al monitoraggio delle proprie attività di fitness o della salute. Poiché spesso non sono dotati di schermo, o ne hanno uno molto piccolo, la durata della batteria è spesso maggiore. Sono inoltre più resistenti e in definitiva più adatti se vi interessano esclusivamente le funzionalità fitness. Tutte le principali aziende del settore hanno un modello con cui battersi nel mercato. Fra i più interessanti usciti recentemente troviamo il Garmin Vivofit 2. Se invece siete degli avidi utilizzatori della app Runtastic vi potrebbe interessare il Runtastic Orbit.

Conclusioni

Smartwatch Motorola, modelli e prezzi
Ecco il famoso Moto 360

Insomma, da questa breve rassegna dei contenuti presenti in questo sito sarà chiaro ormai che il mondo degli smartwatch è un mondo affascinante e in continua evoluzione. Continuate a seguirci per avere contenuti approfonditi.

Portale Smartwatch Ultima modifica: 2014-06-16T14:57:44+00:00 da vijxgm

8 commenti su “Portale Smartwatch”

  1. Complimenti per il sito, che ha contenuti “pensati”, con riflessioni interessanti sugli smartwatch e sul mercato in generale, ben oltre le solite recensioni tutte uguali.
    Se posso dire la mia, sono dispositivi molto interessanti (basti pensare a quante volte sono stati inseriti in film di fantascienza), ma il limite della batteria è troppo rilevante al momento. Rimarranno un prodotto di nicchia fino a quando nuove tecnologie (come ad esempio la ricarica wireless a lungo raggio) permetteranno un uso costante senza doverli ricaricare tutte le sere.

    1. Salve Andrea, grazie per il suo commento. Non abbiamo in realtà molto da aggiungere alla sua analisi. Per molti la durata della batteria è effettivamente un limite, altri mettono lo smartwatch a ricaricare nella base accanto al comodino e non ci fanno neanche caso… comunque sicuramente non sarà mai troppo presto per l’arrivo di nuove batterie più performanti
      Continui a seguirci!

  2. Confermo che il sito ha contenuti di qualità, e fa analisi molto interessanti sul mercato degli smartwatch. Detto questo, a me questi prodotti sembrano ancora, più che altro, una soluzione alla ricerca di un problema.
    Saluti

    1. Salve Pino, ha ragione, su alcune pagine vecchie non era possibile commentare. Adesso piano piano stiamo riabilitando i commenti su tutto il sito.

  3. È un sito un po artigianale dal punto di vista della grafica ma è un piacere leggere finalmente dei contenuti ragionati attorno al mondo della tecnologia e degli smartwatch, che vanno oltre alle solite recensioni tutte uguali.

  4. Salve ho un Nokia Lumia 640 XL vorrei sapere se esiste e dove posso trovare uno smartwatch per questo mio cellulare? Grazie Mille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensioni, notizie e guide all’acquisto di smartwatch