Huawei Talkband B2

Recensione Smartband Huawei Talkband B2


E così Huawei ci riprova. Il produttore cinese sta cercando in questo periodo di sfondare anche sul mercato occidentale. L’obiettivo è quello di aumentare la consapevolezza del brand Huawei presso europei e statunitensi. Questa smartband Huawei Talkband B2 è un prodotto fondamentale in questa strategia. Andiamo a conoscerlo meglio con questa recensione.

Il principio alla base del Talkband B2 è lo stesso visto nel modello dell’anno scorso: uno smartwatch con l’unità operativa rimovibile, che si trasforma in un auricolare bluetooth. L’idea è molto interessante, e questo 2-in-1 permette di ridurre il numero di gadget da portarsi dietro e da ricaricare. Il B1 però non riusciva a tradurre questo concetto in un prodotto realmente usabile: come si comporta questa seconda versione?

Caratteristiche hardware Huawei Talkband B2

Huawei Talkband B2 con smartphone

Cominciamo dalla parte estetica. Questo Talkband B2 è disponibile in due versioni, che si differenziano solo per i materiali usati. Una versione più semplice è interamente in plastica. Una versione più costosa invece prevede l’unità operativa in metallo colore oro, e il cinturino in pelle.

Dal punto di vista delle funzionalità, questa smartband è in grado di contare i passi che si sono fatti durante il giorno, calcolando anche le calorie bruciate. È in grado inoltre di valutare la qualità e la durata del sonno durante la notte. Manca però un sensore del battito cardiaco. Non è presente neanche il GPS.

Il Talkband B2 è in grado anche di vibrare, per fungere da sveglia la mattina o come stimolo ad alzarsi e muoversi se si è rimasti seduti troppo a lungo.

Lo schermo non ha purtroppo una buona visibilità in caso di luce solare diretta.

Huawei Talkband B2 al polsoCiò che differenzia questo prodotto dagli altri presenti sul mercato è la possibilità di staccare l’unità operativa dal cinturino: essa diventa un vero e proprio auricolare Bluetooth con il quale rispondere alle chiamate.

In generale l’unità operativa è più grande rispetto al Talkband B1, e sembra forse troppo larga per essere comoda come auricolare.  L’audio in cuffia è buono, ma a chi ci ascolta dall’altro lato sembra che stiamo parlando tramite vivavoce, con la voce che arriva un po’ lontana.

La durata della batteria con un uso normale è di 3-4 giorni. Sarebbe buona per uno smartwatch, ma le funzionalità smart di questo wearable sono in fondo poche, e si tratta più di una smartband. Per quest’ultima categoria di prodotti, 3-4 giorni sono pochi.

Caratteristiche software

Il Talkband B2, molto stranamente, non è in grado di riprodurre sul proprio schermo le notifiche dello smartphone, perdendo quindi gran parte del suo appeal.

Lo schermo si accende automaticamente quando si agita il polso, anche se all’atto pratico questa funzione non si è rivelata molto precisa, con lo schermo che si accende quando non è necessario, o che al contrario non si accende quando vorremmo che lo facesse.

È possibile anche usare questo wearable per trovare il proprio smartphone, facendolo suonare (se connesso via Bluetooth). Il pulsante sul lato serve anche a scattare una foto se sullo smartphone Android è avviata la fotocamera.

Huawei fornisce anche una app per smartphone con la quale è possibile settare alcuni parametri relativi alle funzionalità di fitness tracking, e leggere poi più comodamente i dati riportati dalla Huwaei Talkband B2. La app è in grado di comunicare con la app Jawbone per sincronizzare i dati con quest’ultima.

In conclusione questa Huawei Talkband B2 è ancora una volta una buona idea, realizzata male, con un potenziale non sfruttato pienamente. È strano che Huawei, così desiderosa di sfondare nel mercato occidentale, scelga di presentare un prodotto che sembra quasi non finito. Vedremo se una eventuale versione B3 risolverà i problemi di questo prodotto.

Puoi tornare alla pagina con tutte le recensioni di smartwatch cliccando qui.

Recensione Smartband Huawei Talkband B2 Ultima modifica: 2015-10-05T17:36:08+00:00 da vijxgm

Recensioni, notizie e guide all’acquisto di smartwatch